Progettare la luce

Neil Fraser

Progettare la luce

Come creare luci, ombre e atmosfere sul palco, sul set e in qualsiasi ambiente


Manuali di script 68
Uscito il 07/2005
160 pagine
Note: SECONDA EDIZIONE
Isbn: 9788875271138
Aree: Cinema, Teatro
Keyword: Professioni, Recitazione

 


 


In questo libro vengono descritti tutti gli aspetti fondamentali – tecnici e creativi – del lavoro del tecnico delle luci e del lighting designer nel teatro e nel cinema. Il metodo d’indagine utilizzato dall’autore per descrivere le fasi e le regole più utilizzate dagli addetti ai lavori guida il lettore attraverso l’esperienza pratica tipica del mestiere, con esercizi, simulazioni e box informativi utili per fermare i concetti più importanti nella memoria del lettore. A una breve storia dello stage lighting, il testo unisce un corredo di 78 esercizi illustrati con più di 150 schemi e fotografie e più di 40 disegni. Come scegliere e usare un equipaggiamento, come usare il colore e le tecniche per la messa a fuoco o le luci “intelligenti”, e come pianificare, testare ed eseguire un buon lighting design per uno spettacolo. Completano l’edizione italiana due interventi di Giancarlo Bottone e Bruno Monopoli, rispettivamente lighting designers al Teatro Sistina e al Teatro dell’Opera di Roma.


Neil Fraser è uno stimato e esperto lighting designer e uno dei più famosi insegnanti di Technical Theatre. Può contare su più di vent’anni di esperienza di produzione professionale delle luci per teatri in Gran Bretagna e all’estero, incluse grandi produzioni a Londra e New York. Ha insegnato in molte scuole di teatro, è stato Capo del Lighting Department e della Royal Academy of Dramatic Art sino al 1985.

Indice


Prefazione di Giancarlo Bottone; Prefazione di Bruno Monopoli; Introduzione; Capitolo Primo: Cos'è il lighting design?; Capitolo Secondo: L'attrezzatura che usiamo; Capitolo Terzo: La configurazione del teatro e i vincoli elettrici; Capitolo Quarto: L'apparecchiatura all'opera - Il puntamento; Capitolo Quinto: Cominciamo ad illuminare l'attore; Capitolo Sesto: Colore e luce; Capitolo Settimo: Rendetelo vero; Capitolo Ottavo: Una copertura generale di luce; Capitolo Nono: Luce in movimento - Fari intelligenti ed effetti; Capitolo Decimo: Stato d'animo e atmosfera; Capitolo Undicesimo: Illuminare la scenografia; Capitolo Dodicesimo: Lavorare partendo dal testo; Capitolo Tredicesimo: Il processo produttivo; Capitolo Quattordicesimo: Esempi di lighting design; Conclusioni; Elenco degli esercizi.


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri dell'area Teatro:


Altri libri con la keyword Professioni:


Altri libri con la keyword Recitazione:


Prossime uscite
next
Di Christopher J. Bowen, Roy Thompson. Traduzione di Jusi Loreti
Il manuale che spiega quando e perché tagliare
19.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 2/4/2015
Il manuale che spiega quando e perché tagliare
prev
Avvisi ai naviganti
Per il compleanno del caro amico Peter (Brook)
06/03/2015 -

 Il 21 marzo prossimo compie novant’anni il maggior regista teatrale vivente, Peter Brook.

In questa occasione mandiamo in libreria l’edizione italiana di The Quality of Mercy col titolo La qualità del perdono, Riflessioni sul teatro a partire da Shakespeare.

Un piccolo grande libro - curato nell’edizione italiana da Pino Tierno - composto da brevi saggi che si apre con una argomentata e arguta difesa dell’identità del drammaturgo inglese contro le stravaganti teorie di coloro che ritengono Shakespeare un semplice prestanome, di fatto un impostore.

Da uomo di teatro Brook argomenta brillantemente e ironicamente l’impossibilità di simili congetture a cominciare dal fatto che una simile impostura difficilmente avrebbe potuto reggere di fronte alle pratiche quotidiane del teatro. E contro le lingue taglienti e libere dei coevi scrittori attori, suggeritori e addetti varii.

Scorrendo le pagine si rivivono con lui le messe in scena di Romeo e Giulietta, Tito Andronico, Misura per misura, Amleto, Re Lear, La Tempesta, Sogno di una notte di mezza estate: pagine dense di riflessioni e di acute intuizioni, ma anche di dettagli intriganti sulle performance, nonché un po’ di storie di divertenti pettegolezzi teatrali.