Il viaggio dell’Eroe

Christopher Vogler
Traduzione di Jusi Loreti

Il viaggio dell’Eroe

La struttura del mito ad uso di scrittori di narrativa e cinema


Manuali di script 1
Uscito il 10/2010
176 pagine
Note: NUOVA EDIZIONE
Isbn: 9788875271916
Aree: Cinema, Scrittura
Keyword: Sceneggiatura

 


 


 


A dieci anni dalluscita della versione italiana del libro, pubblichiamo una nuova edizione del grande successo internazionale di Christopher Vogler: Il viaggio dell'Eroe. Rispetto alla precedente, questa edizione si arricchisce di una prefazione dell’autore ed è caratterizzata da una nuova traduzione, che, tenendo conto della diffusione del testo fra gli scrittori italiani, si uniforma all’uso ormai consolidato della terminologia in esso contenuta. Il film e la fiction tv raccontano storie. Le narrazioni più coinvolgenti, quelle che, a seconda dei casi, ci tengono incollati allo schermo col fiato sospeso o ci lavorano dentro e riemergono alla mente nelle ore o nei giorni successivi, sono quasi sempre riconducibili agli antichi miti. Forse perché, come ha scritto Jung, il sogno è il mito individuale, i miti rappresentano i sogni collettivi dellumanità. E il grande cinema è anch'esso sogno collettivo. Questo libro, basato sul lavoro di uno studioso dei miti come Joseph Campbell, tenta di analizzare la figura del protagonista del film, con le stesse categorie con cui Campbell analizza leroe mitico e il suo percorso avventuroso. Ma non si tratta di un saggio antropologico o sociologico, bensì di una guida allanalisi della struttura fondante della sceneggiatura. Infatti leroe mitico non è solo in senso letterale trasponibile nel protagonista del film davventura, ma è una metafora di qualsiasi protagonista di qualsiasi film in cui il personaggio principale compia nel racconto per immagini un percorso che lo porti alla fine della storia a una nuova consapevolezza. La struttura di questo viaggio, le stazioni di questo procedere, le figure e i passaggi che lo porteranno a compiere il tragitto che potremmo definire iniziatico, tutto questo viene spiegato nel libro con riferimenti continui a sequenze di grandi film.


Christopher Vogler ha esaminato come story analist più di seimila sceneggiature per le più importanti major statunitensi, dalla Warner Bros. alla 20th Century Fox. È stato consulente per la Walt Disney per i film La Bella e la Bestia e La Sirenetta e capo del settore sviluppo della Fox 2000. Insegna all’università UCLA di Los Angeles.


 


Dicono del libro


La recensione di Bottega editoriale (prima parte) di Pierpaolo Buzza


La recensione di Bottega editoriale (seconda parte) di Pierpaolo Buzza 


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri dell'area Scrittura:


Altri libri con la keyword Sceneggiatura:


Prossime uscite
next
Di Christopher J. Bowen, Roy Thompson. Traduzione di Jusi Loreti
Il manuale che spiega quando e perché tagliare
19.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 16/4/2015
Il manuale che spiega quando e perché tagliare
prev
Avvisi ai naviganti
Per il compleanno del caro amico Peter (Brook)
06/03/2015 -

 Il 21 marzo prossimo compie novant’anni il maggior regista teatrale vivente, Peter Brook.

In questa occasione mandiamo in libreria l’edizione italiana di The Quality of Mercy col titolo La qualità del perdono, Riflessioni sul teatro a partire da Shakespeare.

Un piccolo grande libro - curato nell’edizione italiana da Pino Tierno - composto da brevi saggi che si apre con una argomentata e arguta difesa dell’identità del drammaturgo inglese contro le stravaganti teorie di coloro che ritengono Shakespeare un semplice prestanome, di fatto un impostore.

Da uomo di teatro Brook argomenta brillantemente e ironicamente l’impossibilità di simili congetture a cominciare dal fatto che una simile impostura difficilmente avrebbe potuto reggere di fronte alle pratiche quotidiane del teatro. E contro le lingue taglienti e libere dei coevi scrittori attori, suggeritori e addetti varii.

Scorrendo le pagine si rivivono con lui le messe in scena di Romeo e Giulietta, Tito Andronico, Misura per misura, Amleto, Re Lear, La Tempesta, Sogno di una notte di mezza estate: pagine dense di riflessioni e di acute intuizioni, ma anche di dettagli intriganti sulle performance, nonché un po’ di storie di divertenti pettegolezzi teatrali.